martedì 25 gennaio 2011

ASILO

i bambini vengono all'asilo ogni giorno eccetto il sabato e la domenica. arrivano alle 8 di mattina e restano sino alle 17, tranne il mercoledì.
la mattina, quando esco per andare a fare lezione d'inglese, mi saltano addosso, urlando ''bonjour tata'' con le loro vocine. alcuni con un sacchettino in mano, contenente la colazione.
ci sono due sezioni, quella dei più grandi e quella dei più piccoli, ma sono quasi sempre tutti insieme. sono trentasette scatenati diavoletti! ognuno ha il suo posto, con il nome (spesso impronunciabile, per me) sulla sedia e sul banco. ognuno ha il suo posto per lo zainetto, per i suoi solori e per le sue matite.
la classe è colorata, piena di disegni, peluche, bambole e giochi.
io arrivo alle nove, e loro sono tutti presi dal lavoro.
a volte colorano qualche figura geometrica, come cerchi o triangoli. altre volte sono alle prese con un disegno, come per esempio un pomodoro. tata edith mostra alla lavagna quale spazio va riempito i verde e quale di rosso, e loro copiano (vabbè, qualche pomodoro è rimasto immaturo, evidentemente, con le foglie rosse: voilà la fantasia!). oggi hanno ricevuto un foglio con alcuni numeri ed alcune cifre: il loro arduo compito era di accerchiare solo i numeri. dopo, tutti soddisfatti mi hanno mostrato la loro opera. il giovedì fanno sport, si mettono in cerchio in giardino e corrono, saltano e camminano in ginocchio.
arriva il momento della merenda, quindi bisogna lavarsi le mani nelle bacinelle, una col sapone, l'altra senza. poi ci si siede sulle panche, si prega e noi distribuiamo la merenda. essa consiste in un sacchettino di popcorn, o in un paccettino di biscotti. a volte c'è quello che chiamano ''pain vienois'', una specie di pane fritto. lo adorano! si abbuffano senza ritegno...
sono quindi sazi, e vanno a giocare. ci sono altalene, scivoli e palloni. le biciclettine sono due, e si deve fare a turno, rispettando la fila. le ruote sono quattro, colorate, e i bambini fanno a gara a chi è più veloce.
dopo un'ora circa si pranza: le mani vengono rilavate, e ci si mette in fila: un- due, un- due, un- due! si va verso la cucina. tutti si siedono, e noi distribuiamo prima i piatti, poi pregano cantando e finalmente possono mangiare.
stanchi della giornata, vanno a dormire fino alle tre circa. si alzano e fanno la doccia e la merenda. alle cinque i genitori vengono a prenderli, e loro salgono sul motorino salutando gli amici e le tate.
a domani!

Nessun commento:

Posta un commento