martedì 15 febbraio 2011

CLAUSURA

Stamattina presto, alle sette, siamo partiti per celebrare la Messa nel convento di clausura a Natitingou. ci ha accompagnati il vescovo, e ci ha accolto una suora vestita di azzurro, molto cordiale. poi siamo entrati nella cappella, dove tutte ed otto erano già riunite. sei di loro sono francesi, le due novizie invece sono beninesi. io sono entrata guardandomi intorno, mi sono seduta in un angolino e ho cercato di respirare il meno possibile, che sparire era impossibile. non si sentiva volare una mosca. erano tutte assorte nella preghiera, alcune avevano gli occhi chiusi.
poi abbiamo iniziato, e la maggior parte della funzione s'è svolta in latino (ma nel libro c'era la traduzione in francese). le suore hanno formato due gruppi, e sempre in latino hanno eseguito dei canti polifonici bellissimi.
a me, ovviamente, è caduto il libro della preghiera nel silenzio più assoluto (tanto per non farmi riconoscere), e per un attimo ho temuto il peggio.
appena la messa è finita, le suore ci hanno aspettato fuori, e abbiamo chiacchierato un po'. sono davvero gentili.
l'ambiente che ho trovato lo definirei sereno e pieno di pace, non si sentono rumori, le suore parlano piano, sorridono con discrezione ma senza mettere in imbarazzo.
che pace!

Nessun commento:

Posta un commento