mercoledì 9 febbraio 2011

LEBBRA, SIDA, BURULI

Ieri sono andata in un centro dove curano la lebbra, l'aids ed il buruli. in effetti, non è un ospedale, perchè non eseguonono operazioni, ma c'è l'ospitalizzazione e la cura prima e dopo l'intervento.
ci sono tanti bambini, ieri quando sono arrivata stavano guardando la partita di calcio. i parenti possono stare con i pazienti convalescenti, hanno costruito delle casette per accoglierli. le mamme cucinano per quelli che sono là da soli, ma quasi tutti hanno qualcuno.
siamo entrati in una stanza dove c'erano i bambini appena operati, un bimbo tremava ancora. allora gli ho detto che deve guarire pesto per giocare a calcio. e lui ha sorriso.
ma stanno tutti abbastanza bene, ridono, non è certo un luogo di malati terminali.
mi hanno detto che tutti quelli che entrano, riescono a guarire, per quanto riguarda lebbra e buruli. l'aids é tenuto sotto controllo, chi ce l'ha puo' andare là per prendere le medicine e qualcosa da mangiare, ma tutti i bambini vanno a scuola e vivono con la loro famiglia, assolutamente inseriti nella società.
abbiamo fatto tante foto, e io dicevo ''konu''! , che in lingua fon significa ''sorridi'', e loro ridevano come pazzi. per ultimo abbiamo visto un bimbo sulla sedia a rotelle, una sua amica lo portava in giro, e gli ho detto:'' hai la tua ferrari, eh''? e poi ho aggiunto (sempre in fon) ''dede, dede'', che significa ''vai pian''!
il prete che ci ha accompagnati mi ha proposto di restare con loro per giocare con i bambini, gli ho promesso che sarei tornata, e lui mi ha dato l'indirizzo di un'associazione che li sostiene, mandando volontari.
a bientot!

1 commento:

  1. ciao ciccia, un altro approccio con la medicina, probabilmente + vero: tra 50 anni saranno come noi, in tutti i sensi, probabilmente meno felici, cosi' è la vita. Suor Nadia sarà la benvenuta, basta che non chieda di cucinare cose strane. Il lavoro è sempre tanto, non so se vedrò la partita questa sera, tanto è un' amichevole; + no che si', semmai ti aggiorno domani. Parenti tutti in forma, chiedono sempre di te, anche se poi non si fanno vivi. Il tempo è assai secco, saranno due mesi che non piove, clima primaverile; oggi mi sono tolto il paltò, si vedono in giro ragazzine senza maniche, braccia nude (ablativo assoluto). Ci leggiamo doman, buona serata, non mangiare schifezze, un abbraccio da m e p, salaam

    RispondiElimina