sabato 12 febbraio 2011

RESTA!

ieri siamo arrivati a bembèrèkè, dove avevo passato due settimane del mio soggiorno. siamo arrivati tardi, alle otto di sera, e per quanto mi riguarda, stanca morta. la prima che è venuta a salutarmi è stata suor michigo, che ha subito iniziato a sorridere e parlare franco- giapponese. poi le altre due suore e i bambini che erano lì intorno. la voce che ero tornata, però, si è sparsa subito, ed ecco arrivare lo stormo delle ragazze. alcune mi saltano addosso abbracciandomi, altre mi stringono la mano, altre ancora mi baciano. e tutte mi danno il benvenuto. alcune salutano in inglese, e subito una mette i puntini sulla i: "questa volta non ci scappi"! e mentre noi andiamo a depositare i bagagli in stanza e fare una doccia (eravamo francamente impresentabili), loro hanno preso sedie e panche. durante la cena ho sentito che si preparavano, che chiamavano a raccolta i bambini. anche le suore hanno iniziato a ridere: "per fare festa loro sono sempre pronte"! ed infatti, hanno letteralmente ingurgitato la loro cena per venire a danzare e cantare. fabrizio ha fatto uno spettacolo di magia, e io sono andata dietro con le ragazze a seguirlo. catherine mi ha preso la mano e l'ha tenuta ben stretta per tutta la durata (lei ha circa diciotto anni).
stamattina siamo ripartiti molto presto, e tutte sono venute a salutarmi, a ringraziarmi. e si guardavano soddisfatte dicendo: "ah, aveva detto che sarebbe tornata, e ha mantenuto la promessa"! per ultima ho visto tata josephine, con la quale ho lavorato all'asilo. allora sono scesa, l'ho abbracciata, e lei mi ha chiesto: "ma come, te ne vai già"? e io ho detto "sì, ma tornerò! e salutami tutti i bambini". e lei ha annuito con il suo sorriso dolcissimo e siamo partiti.

Nessun commento:

Posta un commento